Lo psicologo e psicoterapeuta Luca Masini interviene su un tema molto attuale

Se si “dipende” da Facebook

I “mi piace” liberano nel cervello dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nel “circuito del piacere”. È la condizione preliminare per ogni forma di dipendenza

I nativi digitali, i cosiddetti Millennials – chi è nato e cresciuto in corrispondenza con la diffusione delle nuove tecnologie informatiche – sono coloro che sin dalla tenera età hanno preso contatto con il mondo di internet, avendo a disposizione strumenti potentissimi. I social network e gli smartphone possono essere considerati i principali mezzi tecnologici utilizzati per comunicare con gli altri: un “dialogo” che avviene principalmente attraverso la condivisione di contenuti come foto, pensieri, video, brani musicali, eccetera. Il nostro modo di relazionarsi agli altri dunque può dirsi totalmente cambiato rispetto a pochi decenni fa.

 

Il dottor Luca Masini è psicologo e psicoterapeuta. Esercita da libero professionista presso il Poliambulatorio Nubra e al Cfp Nazareno come tutor per gli allievi con problematiche socio-emotive. A lui abbiamo chiesto in che modo i social network, e più in generale le nuove tecnologie, possano incidere negativamente sulla nostra mente. E se questi nuovi mezzi di comunicazione possano essere considerati una specie di droga. «Capita a chiunque di noi – risponde – presente su un social network come ad esempio Facebook ricevere un “mi piace” a uno stato condiviso sul proprio profilo personale. Il che produce un effetto particolare sul nostro cervello. Sempre più ricerche evidenziano infatti come un “mi piace” al proprio stato sia correlato a un rilascio nel nostro cervello di dopamina, uno dei principali neurotrasmettitori coinvolti in quello che viene chiamato “circuito del piacere”, sistema cerebrale che a sua volta è coinvolto anche nello sviluppo delle dipendenze da sostanze, alcool, gioco d’azzardo, eccetera» 

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€

Accesso completo al sito, più la
versione digitale mensile

Un mese dell’universo digitale di VOCE al prezzo di 5 euro: comprende la ricezione della newsletter quotidiana VOCE Città con tutte le notizie del giorno, del settimanale VOCE in pdf ogni venerdì e l'accesso a tutti i contenuti di voce.it riservati agli abbonati tra cui articoli (anche dall’archivio), interviste, rubriche e i VOCE Podcast. (non comprende la lettura di VOCE Mese) Costo Mensile 5€