Dal Caregiver Day numeri su cui riflettere

Sull’aumento di anziani con limiti funzionali

Dal Caregiver Day numeri su cui riflettere

È entrato nel vivo, con il convegno su “Dare cura in una nuova dimensione di domiciliarità” tenutosi sabato mattina a Carpi, l’edizione 2019 del Caregiver Day promosso da “Anziani e non solo” in collaborazione con Ausl, Unione Terre d’Argine e Regione Emilia Romagna.

 Il convegno è stato il primo di due appuntamenti (il secondo è previsto a Bologna, presso l’Aula Magna di via Aldo Moro, il prossimo 31 maggio) per dibattere le problematiche dei Caregiver familiari, delle persone cioè che si prendono personalmente cura delle proprie persone care affette da gravi malattie debilitanti. Particolarmente significativi alcuni dati forniti dai relatori nel convegno svoltosi alla Loria: da qui al 2065 la popolazione italiana passerà dagli attuali 60,7 milioni di abitanti a 53,7 milioni, con un calo stimato dell’11,5 per cento. Contemporaneamente nello stesso periodo gli anziani passeranno dagli attuali 12,9 milioni a ben 17,8 milioni con un balzo in avanti superiore al 33 per cento e, fra gli anziani, coloro che avranno “limiti funzionali” e cioè bisogno di assistenza continua e personale saranno tre milioni e mezzo. 

Il Caregiver Day continua, durante il mese di maggio, anche con due giornate di approfondimento (martedì 21 e martedì 28 maggio) alla Casa del Volontariato. Lo scopo del Caregiver Day, giunto quest’anno alla sua nona edizione, è, tra gli altri, quello di dare concreta attuazione alla legge regionale che nel 2014 ha riconosciuto il ruolo del caregiver familiare.

231 visualizzazioni