Twinset lancia una linea di abiti da noleggio

Disponibile da settembre negli otto monomarca italiani del marchio

Twinset lancia una linea di abiti da noleggio

Nel mondo della moda Twinset è il primo marchio a sviluppare un business legato al noleggio. Il nuovo progetto è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa a Milano. Si tratta della capsule collection PLEASEDONT BUY SIGNED BY TWINSET che propone, appunto, abiti esclusivamente da noleggiare, non da vendere. L'azienda carpigiana punta a diventare il Netflix della moda, ma con il completo controllo della filiera: partendo dalla produzione (100 per cento made in Italy) per arrivare al consumatore finale. Le proposte di abbigliamento con label PLEASEDONTBUY, al debutto con il red carpet del prossimo festival del cinema di Venezia (in calendario dal 28 agosto al 7 settembre), e poi disponibili dai giorni della fashion week donna di Milano, non faranno parte delle collezioni Twinset in vendita di stagione, ma saranno pensati per momenti speciali, con proposte attuali di qualità artigianale.

“Quando mi è venuta l’idea PLEASEDONTBUY– ha spiegato Alessandro Varisco AD di Twinset – ero consapevole dei rischi, soprattutto legati all’esecuzione del progetto dati i vincoli logistici e tecnologici ma sentivo l’esigenza di dare una risposta differente in un mercato dove vale tutto ed il contrario di tutto. Nel contempo il mio obiettivo era anche quello di stimolare l’azienda a parlare un linguaggio più contemporaneo e più vicino anche alle nuove generazioni. Quando racconto il progetto vedo sorridere compiaciuti i miei interlocutori. Già questo mi gratifica e mi fa capire che i nostri abiti saranno associati ai valori positivi del renting ossia velocità e libertà. Il tutto con un prezzo decisamente accessibile. Gli abiti per eventi speciali realizzati con tessuti e materiali preziosi sappiamo che hanno costi per forza molto elevati e in genere vengono usati solo una volta – ha aggiunto –. Offriamo la possibilità a tutte di indossare capi che costerebbero dai 900 ai 3000 euro ad un costo variabile dal 40 ai 90 euro". 
PLEASEDONTBUY, come primo passo, si presenterà al mercato attraverso una selezionata distribuzione retail in Italia iniziando dai monomarca di: Milano Via Manzoni e Corso Vittorio Emanuele, Roma via del Corso e Via Cola di Rienzo, Firenze, Orio al Serio, Bari e Verona. Nel 2020 oltre ad estendere la rete a tutti i monomarca nel mondo diventerà una realtà digitale e sarà aperta al canale wholesale.
 
2407 visualizzazioni