Il Daspo debutta nel Regolamento di Polizia urbana di Carpi

Il Daspo debutta nel Regolamento di Polizia urbana di Carpi

Il Regolamento di Polizia urbana in vigore dall’1 gennaio 2019  presenta la novità di un unico corpo di norme per tutti e quattro  i Comuni dell’Unione. Metterlo a punto ha significato anche adeguarlo  alle ultime disposizioni che prevedono di individuare le  aree nelle quali si possono applicare le normative che permettono  l’allontanamento di persone (il cosiddetto Daspo). All’interno  di queste aree (parchi, adiacenze di scuole e ospedali, aree che  ospitano mercati, prossimità di monumenti) possono essere sanzionate  con l’applicazione dell’ordine di allontanamento le condotte  che rendono difficoltoso l’accesso o costituiscono intralcio  nei luoghi di transito e i comportamenti che limitano la fruizione  degli spazi pubblici. Si tratta di ubriachezza molesta, questua, atti contrari alla pubblica decenza, commercio abusivo su area  pubblica. Il Daspo urbano vale 48 ore e se non è rispettato prevede un’ulteriore sanzione.  Altre novità sono costituite dallo snellimento delle norme,  dall’inserimento di nuovi articoli che riguardano lo scoppio di  fuochi d’artificio, la domanda e offerta di prestazioni sessuali, il  divieto di nudismo sul suolo pubblico e nelle aree verdi, nonché  l’ingresso di animali nei luoghi pubblici. In tutto il centro storico  di Carpi, poi, è stato anticipato alle 20 il divieto di consumare bevande  alcoliche al di fuori dei plateatici dei pubblici esercizi. 

85 visualizzazioni