Il Sindaco: non posso parlare per il segreto istruttorio; fare piena luce; il Comune riferimento sicuro per i cittadini

Il Sindaco: non posso parlare per il segreto istruttorio; fare piena luce; il Comune riferimento sicuro per i cittadini

«L e notizie che stiamo leggendo sulla stampa sulle indagini della magistratura che coinvolgono l’attività dell’amministrazione comunale – scrive in una nota il sindaco Alberto Bellelli –  rischiano di compromettere il rapporto di fiducia tra l’istituzione e i cittadini. Il mio primo pensiero è proprio questo: tutelare il buon nome del Comune di Carpi e del suo operato» 

«Per raggiungere questo risultato è necessario che sia fatta piena luce sui fatti oggetto dell’indagine giudiziaria ed assicuro che da parte mia vi sarà il massimo impegno affinchè il lavoro dei magistrati possa essere svolto nel migliore dei modi confidando in una piena e leale collaborazione da parte di tutti i dipendenti del Comune. Alla Magistratura chiedo di procedere con celerità e di creare comunque la condizioni affinchè l’apparato amministrativo possa continuare a garantire i servizi indispensabili per la nostra comunità» 

«Il Comune di Carpi è una casa di cristallo, Resta fermo che ove emergessero responsabilità comprovate di qualsiasi natura agirò al fine di garantire l’onorabilità dell’intera città. In queste primissime battute delle indagini è indispensabile che l’autorità giudiziaria svolga il proprio lavoro libera da interferenze. Per garantire questo risultato è assolutamente necessario il rispetto scrupoloso del segreto istruttorio: questo spiega la mia volontà di intervenire mediante comunicati stampa che, nei limiti consentiti dalla legge, si limitino a informare la cittadinanza senza rincorrere le indiscrezioni e i commenti che vengono pubblicati sui giornali e sui social. Ogni scelta sarà quindi finalizzata a creare le condizioni perché si faccia piena luce su quanto accaduto ed a garantire che l’amministrazione comunale, anche in questo frangente, continui, comunque, a essere un sicuro riferimento per i cittadini e ad assicurare alla collettività i servizi necessari».

507 visualizzazioni