Commosso estremo saluto in Cattedrale a Mamma Teresa

Folla di carpigiani al rito concelebrato dai vescovi Castellucci e Tinti

Commosso estremo saluto in Cattedrale a Mamma Teresa

Carpi e la sua gente hanno dato nel pomeriggio di oggi, martedì 13 agosto, l'estremo saluto a Mamma Teresa, al secolo Maria Pelliccioni, superiora delle Figlie di San Francesco ed erede della missione caritatevole intrapresa da Mamma Nina Saltini.

Mamma Teresa, morta a Riccione lo scorso 10 agosto, romagnola d'origine, 94 anni compiuti a marzo, dal 1957 aveva ereditato il gravoso compito di guidare la congregazione fondata da Mariannina Saltini dirigendo con mano sicura la Casa della Divina Provvidenza nella quale sono transitate in tutti questi anni centinaia di ragazze senza famiglia e bisognose di tutto. Anche negli ultimi anni, pur se afflitta da una salute minata da malattie ricorrenti, non aveva rinunciato al suo ruolo di guida carismatica della congregazione, contribuendo anche alla fondazione de L'Agape a cui in gran parte sono state delegate le funzioni assistenziali a favore di donne e madri sole e in stato di abbandono.

Il partecipato rito religioso è stato concelebrato dall'amministratore apostolico della Diocesei di Carpi, monsignor Elio Castellucci arvicescovo di Modene, a da monsignor Elio Tinti, vescovo emerito di Carpi.

Dopo la messa in Duomo, la salma di Mamma Teresa è stata inumata nel cimitero urbano di Carpi.

1304 visualizzazioni