Stamattina hanno abbassato le saracinesche per chiedere la revoca delle chiusure nei weekend

Carpi, la protesta dei negozi del Borgogioioso

“Chiudiamo perché vogliamo aprire”. Con questo slogan stamattina, alle 11, circa 30 mila negozi all’interno di 1.300 centri commerciali italiani hanno protestato pacificamente abbassando per alcuni minuti le saracinesche dei loro locali per chiedere l’immediata revoca delle misure restrittive che, da oltre sei mesi, impongono la chiusura nei giorni festivi e prefestivi dei negozi che si trovano nei centri commerciali (sono escluse solo farmacie, parafarmacie, alimentari, edicole e tabaccherie).

All’iniziativa – promossa dalle associazioni di categoria Confcommercio, ANCD-Conad, Confesercenti, Confimprese, Federdistribuzione e CNCC- Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali – ha partecipato anche la maggior parte dei trenta punti vendita del Borgogioioso di Carpi.
 

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€

Accesso completo al sito, più la
versione digitale mensile

Un mese dell’universo digitale di VOCE al prezzo di 5 euro: comprende la ricezione della newsletter quotidiana VOCE Città con tutte le notizie del giorno, del settimanale VOCE in pdf ogni venerdì e l'accesso a tutti i contenuti di voce.it riservati agli abbonati tra cui articoli (anche dall’archivio), interviste, rubriche e i VOCE Podcast. (non comprende la lettura di VOCE Mese) Costo Mensile 5€