Il degrado del Comando vigili. Franca Gualtieri e i vent'anni di Eria. Grandi nomi a Carpinscienza

C'è perfino la foto in primo piano di uno scarafaggio, sulla Gazzetta, per documentare, assegnandole l'apertura odierna della pagina locale del quotidiano, la pesante denuncia presentata dal sindacato Uil-Flp sulle condizioni igienico-sanitarie, e non solo, del Comando della Polizia locale di via Tre Febbraio. Il servizio si diffonde su una quantità  di dettagli che confermerebbero una situazione di sostanziale invivibilità dei locali che ospitano al piano terra e al primo piano del lato est del fabbricato gli uffici della Polizia locale. E tutto viene fatto risalire alla vetustà dell'immobile, trasformato sul finire degli anni Sessanta in sede operativa del Comune di Carpi dopo che aveva ospitato la fabbrica Angelo Po, eretto in tempi in cui era del tutto normale l'impiego dell'amianto e di amalgami contenenti amianto. Da tempo le condizioni del Comando della Polizia locale sono nel mirino degli organi di stampa: e sono uno dei fattori elencati sull'edizione digitale di Voce di questa settimana per ricordare l'accantonamento del progetto del 2017 di erezione di una nuova sede municipale sul sedime della ex fabbrica. Al momento si può solo prevedere la risposta che arriverà dall'Amministrazione: è in corso la progettazione di una nuova sede che verrà ricavata, con una spesa di poco superiore ai 700 mila euro, nei locali della Polisportiva Dorando Pietri già sede di Radio Bruno.

 

Il Carlino celebra invece in apertura i vent'anni della ditta Eria fondata da Franca Gualtieri e formalizzata dal notaio lo stesso giorno dell'attentato alle Torri gemelle. L'imprenditrice, che è anche autrice di due libri, “L'anima dello stivale” del 2019 e “Materni dettagli” del 2020, ricorda la svolta che la decise a trasferire il proprio ambito di attività dalle confezioni, con la ditta che portava il suo nome, alla produzione di tessuti per la casa.

 

 

Di spalla la Gazzetta ricorda che dal 20 settembre prenderà il via la sesta edizione di Carpinscienza, organizzata dai quattro istituti superiori della città e che quest'anno vedrà, fra gli altri, la partecipazione di nomi noti, come l'immunologa Antonella Viola, l'economista Carlo Cottarelli, la climatologa Serena Giacomini, il biotecnologo Paolo Soffientini, il meteorologo Cesare Lombroso. Filo conduttore di questa edizione, dal titolo “TrasformAzioni”, saranno le azioni da mettere in campo per convivere con i grandi mutamenti – dal clima all'intelligenza artificiale – introdotti dalla modernità.