Carpi sui giornali. Verde sacrificato alle palazzine. Incidente sul lavoro. Frati via a settembre

Carpi sui giornali. Verde sacrificato alle palazzine. Incidente sul lavoro. Frati via a settembre

Anche la Gazzetta interviene oggi, in apertura, sui lavori in corso non nell'area ex Frarica – che era già stata lottizzata diversi anni fa per realizzarvi un edificio direzionale e diversi condomini – bensì su quella in cui sorgevano le ville dei due titolari della gloriosa fabbrica, i fratelli Clodo e Cleomede Righi. Si trova tra via Anna Frank e viale Manzoni e ha molto colpito la drastica opera di eliminazione di siepi e alberi cresciuti  nel corso degli anni e che facevano di quel parco privato anche un elemento del paesaggio urbano. Al loro posto, e al posto delle ville preesistenti, sorgeranno due palazzine di dieci appartamenti ciascuna, informa il quotidiano che dà conto anche della protesta degli ambientalisti e del malumore per l'impotenza del Comune, che non si è dotato di regolamenti diretti a questo scopo, di fronte alle intenzioni demolitorie dei privati proprietari. E' quanto chiede il Presidente di Legambiente per la tutela degli spazi verdi importanti, pur ammettendo che, nel caso specifico,  anni fa una perizia eseguita prima della potatura, aveva rivelato le cattive condizioni di quelle alberature.

 

 

A fondo pagina la Gazzetta dà come certa la partenza entro il 15 settembre dei frati di San Nicolò, sottolineando come la petizione dei cittadini per far cambiare idea all'Ordine dei Minori osservanti si sia rivelata inutile. Resterà solo padre Broch, peraltro destinato a Marghera, il tempo necessario a passare le consegne al futuro, nuovo parroco.

 

 

L'apertura della pagina locale del Carlino e quella della Bassa della Gazzetta sono dedicate al tragico incidente sul lavoro che è costato la vita al 59enne solierese Daniele Angelo Cippiciani. Insieme a un collega, aveva effettuato un trasporto con un camion della Movitrans, di cui era socio, dalla sede della Coop Bilanciai a una ditta di Ostellato nel ferrarese. Si trattava di una grande pesa da installare nel cortile dell'azienda cliente. Nelle operazioni di scarico, mentre stava slegando la pesa sul cassone del camion, l'uomo avrebbe perso l'equilibrio e sarebbe caduto da circa tre metri di altezza battendo violentemente la nuca sull'asfalto. Vani i soccorsi: Cippiciani è morto sul colpo.

 

Sempre il Carlino ricorda la petizione per chiudere il laghetto del parco Pertini e trasferire altrove le piccole tartarughe ospiti che ora vivono in condizioni pessime, a causa dell'acqua sporca e del malvezzo della gente di buttarvi cibarie che attirano soprattutto roditori.

2375 visualizzazioni