Carpi Urban Center replica a Carpi Futura: in campo per una urbanistica partecipata

Carpi Urban Center replica a Carpi Futura: in campo per una urbanistica partecipata

Criticato da Giliola Pivetti e Sergio Vascotto per aver prospettato, nel recente convegno su "Ricucire la città contemporanea”, quella che hanno definita "Urbanistica da libro dei sogni”, il Carpi Urban Center, associazione che punta a favorire la partecipazione dei cittadini alle scelte urbanistice, replica con questo comunicato della sua Presidente, architetto Isabella Colarusso:

 

«Abbiamo letto l’opinione della lista civica di Carpi Futura sul nostro convegno “Ricucire la città contemporanea”  del 4 luglio scorso che, seppur ironica, ci offre la possibilità di chiarire le nostre finalità. Carpi Urban Center vuole essere un laboratorio per la città in cui poter conoscere, condividere e discutere le principali problematiche urbane, territoriali e sociali della città presente e futura in cui i cittadini, le amministrazioni pubbliche e gli operatori economici possono incontrarsi e discutere. L’apporto di competenze specifiche arricchisce il dialogo interno alla città e propone punti di vista differenti. Nel caso del 4 luglio, il convegno “Ricucire la città”, si collocava come esposizione finale e conclusione di un Corso di Alta Formazione di cui Carpi era il tema principale, affrontato da dipendenti pubblici del nostro territorio.  Cogliamo l’occasione per invitare Sergio Vascotto e Giliola Pivetti di Carpi Futura e qualsiasi altro cittadino a prender parte a Carpi Urban Center per una collaborazione costruttiva, partecipata e condivisa  della  nostra  città. Ci  trovate su Facebook:  CarpiUrbanCenter oppure alle mail info@carpiurbancenter.it presidenza@carpiurbancenter.it».

930 visualizzazioni