Croce Blu pronta al trasloco

Per la scuola di via Marchiona occorre il nulla osta della Sovrintendenza

Croce Blu pronta al trasloco

La presidente Giannina Panini: “Il progetto c’è, ma l’edificio è sotto tutela”. Intanto, il sodalizio lancia l’operazione Blu Friend: una card per sostenitori e amici che permette condizioni di vantaggio. E fornirà risorse per sistemare la sede e ampliar

CARPI – Ci vuole poco per diventare Blu Friend, cioè amico della Croce Blu di Carpi: un piccolo contributo economico, che assicura tanti vantaggi, per aiutare concretamente un’associazione che fa così tanto per la città e che ha una gran voglia di crescere. Parte in questi giorni la campagna Blu Friend della Pubblica assistenza Croce Blu di Carpi che sta per traslocare la propria sede dal piazzale dell’autostazione di viale Peruzzi alla nuova sistemazione presso le ex scuole comunali di via Marchiona, alla estrema periferia sud di Carpi. «Come è ormai noto – spiega Giannina Panini, presidente della Croce Blu carpigiana – nella porzione che occupiamo attualmente della stazione delle autocorriere l’Ausl e il Comune di Carpi hanno deciso di costruire la nuova Casa della Salute carpigiana. Ci vorrà del tempo prima che inizino quei lavori ma noi ci siamo già dati da fare per reperire una sede alternativa e più adeguata sia alle nostre attuali esigenze che, in prospettiva, anche in vista di un potenziamento dell’attività». La Croce Blu ha quindi da una parte lanciato una campagna per acquisire nuovi amici e sostenitori, dall’altra ha avanzato un progetto che prevede la sistemazione della scuola di via Marchiona che diventerà quanto prima la nuova sede operativa dell’associazione di pubblica assistenza. «Abbiamo stipulato una serie di convenzioni con poliambulatori e servizi sanitari carpigiani in modo da poter offrire vantaggiose condizioni ai nostri Blu Friend – dice la presidente – e per acquisire nuovi volontari. “Aiutaci a crescere” è lo slogan della campagna tesseramento 2016 che ha anche lo scopo di farci meglio conoscere dalla cittadinanza. Non tutti sanno infatti che oltre al servizio di trasporto degli ammalati, svolgiamo anche altre attività: per esempio i corsi per l’abilitazione all’utilizzo dei defibrillatori presenti negli impianti sportivi cittadini e, in collaborazione con il Tribunale di Modena, utilizziamo anche personale “messo alla prova” quale alternativa a pene detentive minori o coloro che sono stati trovati al volante con tassi alcolemici superiori al consentito e che scontano la loro pena effettuando lavori socialmente utili». 

Ma torniamo alla nuova sede in via Marchiona: «Il progetto di massima è pronto – spiega Giannina Panini – ed è già stato sottoposto sia al Comune di Carpi, che è proprietario dell’immobile, sia alla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi che contribuirà finanziariamente in modo determinante ai lavori di riadattamento della scuola. I quali in definitiva, non sono poi molti; si tratta di consolidare una scala che porta ai piani superiori e di realizzare i box esterni per le ambulanze e i mezzi di servizio. Attendiamo solo il via libera da parte della Sovrintendenza perché la scuola è un bene sottoposto a tutela». 

Nel frattempo tutti i carpigiani possono concretamente sostenere la Croce Blu di Carpi, proponendosi come volontari dell’associazione di pubblica assistenza (sono in programma nuovi corsi di formazione), oppure diventando Blu Friend, o sostenendo l’associazione firmando per il 5 per mille in occasione dell’imminente dichiarazione dei redditi.

Nelle foto, l’ex scuola elementare di via Marchiona e l’attuale sede della Croce Blu al piazzale delle autocorriere

762 visualizzazioni