La neonatologa Licia Lugli lavora al Policlinico sulla mutazione di un gene

E' carpigiana la dottoressa delle malattie rare dei bimbi

E' carpigiana la specialista di Neonatologia del Policlinico di Modena balzata agli onori della cronaca per aver contribuito con i suoi studi clinici all'identificazione di una mutazione genetica che provoca una grave, e per fortuna rarissima, malattia nei neonati fino ad oggi dalle origini sconosciute. La dottoressa Licia Lugli, classe 1975, studia dal 2015 il caso di un bambino affetto da grave ritardo dello sviluppo, fenomeni epilettici e problemi respiratori. Grazie alle sue osservazioni pubblicate sulle riviste scientifiche specializzate, si è arrivati a identificare una mutazione di un gene che provoca la sindrome. 

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€