Un Patrono tra musica e fede

Sono il filo conduttore dei quattro giorni di festa, dal 17 al 20 maggio

Un Patrono tra musica e fede

L’edizione 2018 della festa patronale era stata la “Festa delle famiglie”; quella 2019 sarà una “Festa di Musica e di Fede”, parola degli organizzatori che hanno presentato martedì pomeriggio in vescovado (assente per un improrogabile impegno del’ultima ora il vescovo Francesco Cavina e sostituito per l’occasione da monsignor Rino Bottecchi) il ricco programma di iniziative che fra il 17 e il 20 maggio caratterizzeranno da “Festa del Patrono di Carpi”, patrocinata dalla Curia Vescovile e dal Comune di Carpi. 

«Saranno – ha annunciato Paolo Leporati presidente del comitato dei festeggiamenti – tre giorni all’insegna di iniziative solidali, caratterizzati, oltre che dalle cerimonie religiose (il 20 maggio ci sarà la tradizionale processione di San Bernardino da Siena dalla chiesa patronale alla Cattedrale), da quattro concerti in tre chiese cittadine (la chiesa del Cristo, la Sagra e il Duomo), da mostre fotografiche, incontri e appuntamenti per grandi e piccini in piazza e nel centro storico». Il programma prevede, a partire da venerdì 17 maggio in piazzale Re Astolfo, musica e food street,; sabato prende il via la “Primavera del Volontariato” con bancarelle e mostre; domenica concerto Gospel in Cattedrale e dei cori uniti Ushac e Parkinson; per finire lunedì con la processione da San Bernardino da Siena alle 17,30 con solenne rito presieduto dal vescovo, l’assegnazione del premio Mamma Nina e il concerto di campane sul sagrato del Duomo. 

Quindicimila, infine, i biglietti della sottoscrizione a premi del Patrono che sta riscuotendo, secondo gli organizzatori, un notevole successo.

64 visualizzazioni