Aimag autorizzata dal Consiglio alla gara per Unieco: i postumi del dibattito

Lega e FdI si astengono, critiche da parte di Carpi Futura e M5s

Aimag autorizzata dal Consiglio alla gara per Unieco: i postumi del dibattito

Martedì sera il Consiglio Comunale di Carpi ha votato l’autorizzazione ad Aimag SpA per la partecipazione alla gara di acquisizione della Divisione Ambiente Allargata di Unieco. “E’ stata una delibera tormentata, – afferma il Sindaco Alberto Bellelli – costruita grazie all’azione da noi intrapresa per ottenere maggiori informazioni, così da poter deliberare in modo responsabile nel pieno rispetto della legge Madia” . I dettagli sono giunti in seguito alla richiesta del Consiglio comunale di poter conoscere gli elementi principali dell’operazione, in assonanza con quanto stabilito dal “Patto di Sindacato”. Nella nota viene comunicato che “la direzione intrapresa è quella di dare garanzie ai cittadini di Carpi sul mantenimento e valorizzazione del patrimonio e della qualità e quantità dei servizi che Aimag dovrà continuare a fornire nel nostro territorio, indipendentemente dal successo nella gara di acquisizione di Unieco.” Il Sindaco ribadisce la poca collaborazione da parte dell’azienda nello spedire il materiale che potesse garantire al Consiglio comunale di svolgere un voto consapevole e ponderato in vista degli interessi pubblici.

La votazione ha visto l’astensione da parte delle forze di opposizione, che erano sempre state invece favorevoli all'autorizzazione. La Lega ha affermato, tramite un comunicato, che la propria astensione è dovuta a “un testo fortemente vincolante e non pienamente condivisibile. Il documento sottoposto comprende una serie di vincoli che vanno ben oltre alla partecipazione alla gara.” Giulio Bonzanini, infatti, comunica che “Aimag è un patrimonio cittadino che ognuno di noi vuole tutelare. Suonano quindi fuori luogo le teatrali invettive di Bellelli rivolte a chi gli abbia fatto notare le incongruenze del suo operato nella vicenda.” Oltre a Lega per Salvini Premier ad astenersi è stata anche Fratelli d’Italia a causa del “percorso incoerente e poco lineare dell’amministrazione comunale.”

Le critiche non mancano anche da parte di Carpi Futura che, nelle parole di Michele Pescetelli al Carlino, afferma: “Abbiamo da subito appoggiato la partecipazione di Aimag alla gara, ma non potevamo approvare una delibera che dà mandato al sindaco di ricorrere in sede civile contro il Cda dell’azienda”. Sulla stessa linea è anche il Movimento 5 Stelle, con Eros Andrea Gaddi che ha dichiarato al quotidiano: “Avremmo votato a favore se ci fosse stata una determina che non mettesse in difficoltà Aimag, ma quell’atto che va contro e giudica il Cda era invotabile”.

450 visualizzazioni