La Lega di Carpi: il sindaco Bellelli si adegui al Decreto sicurezza che fa chiarezza sull'immigrazione

La Lega di Carpi: il sindaco Bellelli si adegui al Decreto sicurezza che fa chiarezza sull'immigrazione

La Lega di Carpi è subito intervenuta sulle dichiarazioni del sindaco Alberto Bellelli con una nota che esordisce: «In concomitanza con le reticenze degli altri sindaci Pd nei confronti dell'attuazione sul territorio del cosiddetto Decreto Salvini, anche il nostro Sindaco ha voluto dire la sua, definendosi contrario a tale provvedimento, che mira invece a mettere ordine sulla questione degli immigrati irregolari».

 

La nota prosegue: «Non è corretto dire che aumenteranno gli irregolari sul nostro territorio quando invece, semplicemente, si vuole chiamare col loro vero nome quelli che fino a poco tempo fa venivano spacciati per profughi e accolti senza criterio, creando disagi e preoccupazioni ai cittadini, mentre le cooperative, le uniche beneficiarie di tale caos, si riempivano le tasche, lucrandoci sopra»

 

«Queste parole oltretutto – continuano i leghisti carpigiani – arrivano dopo che, meno di un anno fa, la stessa Giunta si era espressa favorevolmente all'arrivo di ulteriori immigrati fino a un numero di circa 245 persone. Risulta piuttosto ipocrita paventare un rischio per la sicurezza dovuto alla permanenza sul territorio di questi irregolari (ammettendo così, che di fatto rappresentano un rischio sociale), quando il Pd e il Sindaco hanno da sempre voluto in città ancora più clandestini». 

Conclusione: «Bellelli rispetti quindi l'attuazione di questo Decreto sicurezza che finalmente mira a fare ordine e a mettere fine al business dell'immigrazione, che il Pd ci ha obbligato a subire in questi anni».

713 visualizzazioni