L'arte di Jaz ripercorre la musica dei Novanta

In Space Gallery

L'arte di Jaz ripercorre la musica dei Novanta

Rimarrà allestita fino al 25 luglio alla Space Gallery di via Sbrilanci la personale di Andrea Sassi, detto Jaz. La mostra “Back to the 90’s” presenta una serie di dipinti che rappresentano le icone della musica degli anni Novanta – da Freddie Mercury a Iggy Pop, da Kurt Cobain a David Bowie – ritratti secondo lo stile del 47enne artista carpigiano. La carriera di Sassi alias Jaz può essere suddivisa in due fasi, annotano i curatori della mostra: “La prima, quella di formazione della materia, nella quale manualità e creatività muovono tra studi e improvvisazioni preparando le fondamenta di uno stile artistico. Disegno, pittura creazione di sculture da materiali di recupero quali ferro, legno ma soprattutto plastica.

La seconda fase (quella attuale) è rappresentata da un ritorno alla materia delle macerie. Attraverso un procedimento inverso dove la forma non viene dipinta ma estratta dal buio nero della tela che ora è di cashmere. In questa sperimentazione artistica l’assenza di colore rappresenta l’inizio di un percorso che dalle tenebre, grazie all’intervento di una soluzione chimica, sviluppa velature di luce, dal figurativo al concettuale astratto”. Nascono le bleached canvas, prima sperimentate sul cotone delle normali tshirt, che vedono protagonisti le star del rock ritornare dal nero come luce. “Nell’espressione artistica di Andrea Sassi il processo di decolorazione sta alla base della sua ricerca – scrive il gallerista Giosuè Deriu –: un metodo semplice e allo stesso tempo estremamente complicato data la difficoltà nel gestire il processo chimico scaturito dall’ipoclorito di sodio, vale a dire la candeggina, l’effetto è una resa luminosa e attraente, un filtro seppia dal sapore antico. Una ricerca giovane di una mano matura senza soggetti smargiassi, una formula artistica ancora in potenza ma palesemente in evoluzione”. 

78 visualizzazioni