Le imprese campane sono pronte. Le considerazioni di Roberto Guaitoli

Post Covid e reshoring: uno scenario possibile?

Con la pandemia, oltre alle grandi e note difficoltà per la filiera della moda italiana, si torna a tornare di reshoring (o backshoring), vale a dire del ritorno in Italia delle produzioni in passato delocalizzate all’estero. E’ un tema di cui discute da anni ma che con il Covid è diventato sempre più attuale. Innanzitutto perché l’emergenza sanitaria ha dimostrato quanto sia importante disporre di una catena di approvvigionamenti “corta” e quindi meglio controllabile, ma anche per ridurre i costi di spostamento di merci e personale in Paesi lontani. Senza dimenticare la necessità di avere la garanzia di produzioni certificate e tracciabili, oggi sempre più richieste ai brand da parte dei consumatori, nonché leva strategica di marketing.

Parole e considerazioni teoriche a parte, è davvero fattibile un reshoring per l’abbigliamento, le calzature e gli accessori? I casi reali sono pochi, anche perché il costo del lavoro in Italia è molto alto. Un fenomeno del genere potrebbe diventare un fatto rilevante solo se si attivassero alcune azioni di sostegno: di politica industriale intervenendo sugli oneri fiscali, di innovazione tecnologica per guadagnare in competitività e di investimenti nella formazione per i giovani.

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€

Accesso completo al sito, più la
versione digitale mensile

Un mese dell’universo digitale di VOCE al prezzo di 5 euro: comprende la ricezione della newsletter quotidiana VOCE Città con tutte le notizie del giorno, del settimanale VOCE in pdf ogni venerdì e l'accesso a tutti i contenuti di voce.it riservati agli abbonati tra cui articoli (anche dall’archivio), interviste, rubriche e i VOCE Podcast. (non comprende la lettura di VOCE Mese) Costo Mensile 5€