Mercato coperto: ma in Comune ricordano che cosa hanno scritto nel bando?

Importante confronto in settimana tra le associazioni di categoria e l'Amministrazione comunale rappresentata dal sindaco Alberto Bellelli e dalla sua Vice, Stefania Gasparini per tentare di riempire insieme il famoso “foglio bianco” sugli assetti futuri del centro storico. Fra i temi affrontati – Ztl, minaccia di nuovi supermercati, déhors, ente di promozione del centro – spicca anche quello del destino del mercato coperto. Stando al resoconto della Gazzetta, al riguardo l'Amministrazione comunale “ha confermato che andrà avanti con il bando alimentare”. Nessuna smentita o rettifica: per cui si deve supporre che il giornale abbia riportato correttamente. Dalla lettura del bando, tuttavia, si desume che le categorie ammesse a manifestazione di interesse sono le seguenti: esercizi commerciali di vicinato fino a 250 mq; medio-piccole strutture commerciali, alimentari e non, da 250 mq fino a 1.500 mq; pubblici esercizi; terziario diffuso a basso afflusso di pubblico; artigianato di servizio; attrezzature sociali; sanitarie; culturali e sedi istituzionali e rappresentative. Sono escluse le sale giochi e, in ogni caso, il locatario dovrà impegnarsi a non installare apparecchi e congegni come “slot machine” “video lotterie” eccetera. Insomma, dove sta scritto che si andrà avanti “con il bando alimentare”? Già si era osservato che – ammettendo tutto e tutti – questo bando era la dimostrazione dell'assoluta mancanza di idee da parte dell'Amministrazione sul che cosa fare della struttura. Ora emerge che neppure l'Amministrazione ricorda che cosa aveva chiesto nel bando.

 

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€