Il Black Friday piace anche a Carpi

Bilancio positivo degli esercenti del centro

Il Black Friday piace anche a Carpi

La tradizione del Black Friday si è ormai consolidata anche in Italia, sia pure con variazioni: qui diventa facilmente un Black weekend o addirittura una Black week, con sconti dal 10 a oltre il 50 per cento a seconda dei prodotti. 

Il fenomeno ha contagiato anche Carpi, dove quasi tutti i negozi hanno previsto ribassi più o meno vantaggiosi. 

 

Chi ha ben compreso il clima del Black Friday è Wanderlust, negozio di abbigliamento giovane di Corso Pio, le cui titolari, Roberta e Mariangela Barrasso, hanno attivato due diverse promozioni – una per il negozio, con sconti sul secondo capo di abbigliamento acquistato e una per il sito (20 per cento su tutto) – che sembrano essere andate piuttosto bene: «Nel complesso siamo soddisfatte – risponde Roberta –. In negozio, purtroppo, siamo state penalizzate dal maltempo, ma sul sito molte clienti hanno ap profittato delle promozioni. Sicuramente rispetto allo scorso anno il fenomeno era più conosciuto e molte persone hanno aspettato gli sconti per acquistare. Purtroppo però – aggiunge – alcuni negozi hanno iniziato gli sconti già i primi di novembre: così facendo il senso dell’iniziativa si perde. Si finisce per farsi la guerra a vicenda e non ci guadagna nessuno. Se invece ci fossero più regole e più intesa tra punti vendita ne gioveremmo tutti».

A tracciare un andamento positivo è anche Daniele Gilioli del multistore Gilioli 1921: «Noi abbiamo organizzato un weekend di sconti con promozioni diverse a seconda degli articoli. È stato un bell’impegno perché abbiamo dovuto allestire una vetrina ad hoc e organizzarci per riuscire a servire tutti i clienti ma siamo contenti – commenta –: nonostante la pioggia abbiamo avuto un bel movimento. Ad andare per la maggiore sono state sicuramente candele e borse di marca, ma anche sul resto dell’oggettistica c’è stata una buona risposta».

 

Rita Frigieri per il suo negozio di profumi, pelletteria e abbigliamento di piazza Martiri ha scelto di “spalmare” le promozioni sull’intero fine settimana: un Black Weekend anziché un semplice Black Friday. «Per essere competitive, dal momento che le grandi catene hanno proposto le promozioni per più giorni o addirittura per una settimana – spiega Rita Frigieri –, nelle giornate di venerdì, sabato e domenica abbiamo applicato riduzioni di prezzo che variavano dal 20 al 50 per cento in base al tipo di prodotto». La commerciante si dichiara soddisfatta dell’esito dell’iniziativa. «Siamo contente. Non abbiamo avuto certo la fila come si è visto sui social network per un negozio di una nota catena di profumi – prosegue –, ma i nostri clienti hanno fatto degli acquisti importanti e soprattutto si sono portati a casa, a prezzi vantaggiosi, articoli nuovi e di stagione, non certo scarti di magazzino. I prodotti più venduti sono stati i profumi e i capi di abbigliamento».

Stefania Foroni, di Ella Abbigliamento, negozio di moda donna di via Berengario, ha preferito invece non aderire platealmente all’iniziativa, riservando comunque sconti speciali alle clienti durante il weekend: «Per quanto mi ri guarda è stato un buon fine settimana, sono soddisfatta. Ho scelto di non pubblicizzare l’iniziativa perché ho preferito fare una cosa più riservata, premiando le mie clienti abituali e altre di passaggio». 

Foroni rimane comunque piuttosto scettica rispetto a questi progetti: «È da inizio mese che certi negozi hanno iniziato le promozioni o addirittura saldi di metà stagione, così facendo il Black Friday diventa solo un altro giorno di sconti. Ma se la promozione diventa la regola dove sta il guadagno per il commerciante? Per un negozio come il mio, dove i prodotti lasciano poco margine, lo sconto selvaggio non è sostenibile».

Ha collaborato Claudia Rosini

258 visualizzazioni