Moodys migliora il rating di Bper Banca

Moodys migliora il rating di Bper Banca

BPER Banca S.p.A. informa che, in data 12 febbraio 2020, l’agenzia internazionale di rating Moody’s Investors Service ha rivisto al rialzo il rating stand-alone (“Baseline Credit Assessment - BCA di BPER Banca a ba2 da ba3 con l’outlook “stabile”. Al contempo il rating sul debito subordinato è migliorato a Ba3 da B1. Confermati il rating di lungo termine sui depositi e l’“issuer rating” rispettivamente a Baa3 e Ba3. Il miglioramento del BCA riflette l’opinione di Moody’s secondo cui BPER Banca presenta un profilo finanziario più solido anche a seguito dell’acquisizione e della successiva incorporazione di Unipol Banca che ha contribuito a rafforzare il network distributivo e a migliorare l’asset quality, creando al contempo opportunità per la realizzazione di sinergie di costo e maggiore redditività per il futuro. Nella metodologia di rating di Moody’s, il processo denominato “Baseline Credit Assessment” (“BCA”) ha l’obiettivo di analizzare la struttura finanziaria di un emittente e il suo ambiente operativo per valutare il suo merito creditizio in assenza di supporto esterno. Per dettagli si rimanda alla metodologia di rating di Moody’s.  

 

 

Alessandro Vandelli, Amministratore delegato di BPER Banca, commenta: “Accogliamo con soddisfazione la decisione di Moody’s di migliorare il rating stand-alone della banca che arriva al termine di un anno straordinario, durante il quale abbiamo lavorato contemporaneamente su più fronti e con una molteplicità di obiettivi da raggiungere. Siamo riusciti nell’intento di combinare efficacemente una strategia di crescita del business con azioni volte a migliorare ulteriormente l’asset quality, lavorando al contempo sulla semplificazione della governance del Gruppo e sulle attività previste dal Piano industriale 2019-2021. La realizzazione delle numerose azioni strategiche, come rilevato anche da Moody’s, è stata accompagnata dal mantenimento di una posizione patrimoniale solida e da una soddisfacente redditività. Le prospettive per il 2020 sono positive sia in termini di crescita sia di risultato economico e ulteriori significativi progressi sono attesi con riferimento alla solidità patrimoniale e all’asset quality. E’ in questo contesto che ci sembra di poter inquadrare il miglioramento del giudizio di Moody’s e ci auguriamo che, insieme a tutte le azioni previste nel nuovo Piano industriale 2019-2021, possano essere solo un primo passo verso ulteriori progressi nella valutazione del merito creditizio della nostra Banca”. 

470 visualizzazioni