E se viale Carducci diventasse i nostri Champs Elysées?

D'accordo, viale Carducci, a Carpi, non è la splendida quinta alberata degli Champs Elysées di Parigi. E non è neppure immaginabile, qui da noi, un intervento da 250 milioni di euro come quello che la sindaca Anne Hidalgo ha fatto progettare in vista delle Olimpiadi del 2024 che verranno ospitate nella capitale francese. Ma alcuni spunti di fondo che hanno ispirato quella soluzione sarebbero da tener presenti, il giorno in cui, come da programmi della Giunta, si mettesse mano al più bel viale di Carpi con il progetto di una aiuola longitudinale ininterrotta alla base dei due filari di tigli che lo fiancheggiano. E con l'obiettivo di conquistare uno spazio di vivibilità, restituendo a Carpi quello che era stato concepito all'epoca dell'abbattimento delle mura come un luogo di passeggio. Se proprio non fosse possibile eliminarla del tutto rendendo disponibili al parcheggio altre aree della zona (piazzale Dante o l'ex Cantina), limitare le piazzole di sosta al solo lato ovest attenuando l'effetto garage di un viale con tutt'altra vocazione; uniformare la pavimentazione tra sede stradale e pedonale, mettendo al bando l'asfalto e sopprimendo ogni dislivello con i relativi cordoli; assoggettare le auto alla condizione di ospiti del nuovo spazio, destinando loro una sola corsia di transito a senso unico: queste sono alcune delle misure che consiglierebbe la stessa morfologia di un luogo. Arricchito da chioschi e con negozi oggi chiusi o trasformati in garage che verrebbero incoraggiati a riaprire, viale Carducci diventerebbe la nostra piccola rambla, un elegante prolungamento dei percorsi urbani. Soprattutto se ci fosse il coraggio di eliminare del tutto la sosta e di trovare alternative – per esempio via Alghisi – al traffico di attraversamento da sud a nord, dopo che il senso unico su viale Nicolò Biondo ha prodotto notevoli intasamenti proprio qui.   

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€