Carpi sui giornali. Ultimi tre pazienti Covid: il Sindaco chiede il trasferimento a Baggiovara. I fondi per l'ospedale. La maxi truffa svelata dalle Fiamme Gialle

Carpi sui giornali. Ultimi tre pazienti Covid: il Sindaco chiede il trasferimento a Baggiovara. I fondi per l'ospedale. La maxi truffa svelata dalle Fiamme Gialle

Nelle cronache provinciali di Carlino e Gazzetta compare oggi la notizia che negli ospedali della provincia i degenti affetti da Covid-19 sono sempre meno. Ma poiché anche un solo paziente, per necessità di isolamento, richiede misure speciali per gli ambienti e il personale medico e infermieristico, si spiega come mai il sindaco Bellelli abbia informato ieri il Consiglio comunale di aver chiesto all'Ausl di Modena di trasferire gli ultimi tre pazienti Covid dal Ramazzini a Baggiovara. Dove, fra l'altro, fervono i lavori per dotare l'ospedale della struttura per la terapia intensiva da 18 posti (nella foto il rendering virtuale) che, aggiungendosi ai 30 del Policlinico, daranno vita, con gli interventi previsti su altri nosocomi della regione, all'hub nazionale anti Covid-19 che il governo ha deciso venga realizzato proprio in Emilia-Romagna.

 

 

Come riportano i due quotidiani, è dalla Conferenza sociale e sanitaria provinciale cui ha presenziato l'assessore regionale alla sanità, Raffaele Donini e tenutasi ieri a Modena che è spuntata la notizia dello stanziamento di 100 milioni, sui 278 complessivi destinati al modenese, per il futuro ospedale di Carpi, del quale ieri il Sindaco ha informato il Consiglio comunale. Insieme a questa informazione, Bellelli ha reso anche noto che la scelta dell'Ausl è caduta sull'area tra la Steton e la via Quattro Pilastri: ma di questo non c'è traccia sulle pagine locali odierne di Carlino e Gazzetta. Si dà conto, invece, che sempre dalla quota modenese dello stanziamento regionale, oltre ai fondi per il nuovo Ramazzini, Carpi otterrà anche 550 mila euro per ammodernare le Camere ardenti e 600 mila euro per ristrutturare il blocco operatorio B Chirurgico endoscopico.

 

 

Per la sua pagina di Carpi il Carlino battezza come notizia più rilevante il ritorno del mercato ambulante in piazza a partire da domani, con tutte le raccomandazioni del caso rivolte dall'assessore Gasparini a titolari dei banchi e utenti a rispettare i protocolli previsti. Di taglio basso il giornale riporta la notizia che la Gazzetta lancia invece a tutta pagina come propria apertura: le ricadute carpigiane della maxi truffa organizzata da un gruppo livornese che prometteva lauti ricavi dalla vendita di immobili a facoltosi acquirenti stranieri tramite una società insediata a Londra, alla quale venivano versati acconti di alcune migliaia di euro, intascati i quali i truffatori non si facevano più vivi. La Gazzetta parla di un truffato, a Carpi, il Carlino va invece sul plurale.

1321 visualizzazioni