Carpi sui giornali. Addio alle deleghe: il Sindaco esautora Morelli. Raid di ladri

Carpi sui giornali. Addio alle deleghe: il Sindaco esautora Morelli. Raid di ladri

Due pagine della Gazzetta, una sul fascicolo provinciale del Carlino, il quotidiano al quale si debbono le prime rivelazioni. Il caso del dossier al veleno imbastito contro il Sindaco di Carpi tiene banco con l'effetto deflagrante seguito allo scoop del ritiro delle deleghe all'assessore Simone Morelli da parte del sindaco Bellelli.

 

La notizia dell'esautoramento del Vicesindaco l'ha diramata lo stesso Bellelli in un comunicato che, nel confermare l'esistenza di un dossier che insinuava pesanti irregolarità amministrative legate all'acquisto di un appartamento (uno sconto dal costruttore in cambio di un favore in una pratica urbanistica), rivelava anche di esserne venuto a conoscenza fin dall'11 dicembre e di avere di conseguenza sporto denuncia ai Carabinieri per diffamazione. Alla luce poi dell'indiscrezione, attribuita dal Carlino agli inquirenti (più probabilmente alla Procura, visto che il Comando Compagnia Carabinieri Carpi precisa di non aver avuto "alcun contatto nel merito con quella redazione”), secondo la quale l'artefice del dossier sarebbe stato Simone Morelli in accordo con alcuni esponenti provinciali della Lega e di un non meglio precisato rappresentante regionale del Carroccio, il Sindaco ha ritenuto che sul piano politico il solo sospetto adombrato rendesse la convivenza in Giunta non più tollerabile, pur rimettendosi all'esito delle indagini. Da qui la sua decisione di togliere a Morelli ogni potere.

 

Riportata in calce ai rispettivi servizi da Gazzetta e Carlino, la contromossa di Morelli di fronte a un'attribuzione nominativa così diretta non è di quelle che ci si poteva aspettare. Per molto meno, all'indirizzo dei giornali sono partite in passato pesanti querele. Non è escluso che questo accada, ma non si può fare a meno di notare come la difesa di Morelli si sia attestata per ora solo sulla linea della negazione dei fatti a lui attribuiti. Nega anche la Lega, che rigetta ogni ipotesi di accordi con Morelli e definisce il dossieraggio non conforme al suo modo di intendere la lotta politica, spingendosi a collocare la vicenda all'interno della lotta di potere scatenatasi in seno al Pd. E i giornali registrano anche gli attestati di solidarietà pervenuti a Bellelli da Cinzia Franchini, di Modena Ora, Davide Fava, segretario provinciale del Pd e Luca Ghelfi, segretario regionale di idea.

 

 

La Gazzetta si inoltra, di spalla, anche sul terreno delle ricadute politiche, adombrando l'esclusione di Morelli dalla prossima contesa elettorale, dopo l'ipotesi di un ticket con Bellelli sfiorita nel giro di poche ore, dopo gli approcci da lui tentati con Carpi Futura, per finire con il piano di una lista con Carpi 2.0 e altre civiche, sempre nel campo del centro sinistra, ma pronta a presentare un conto molto salato in termini di futuri assessori e consiglieri all'alleato Pd in caso di ballottaggio. Ora, secondo il quotidiano. gli resterebbe solo l'ipotesi di una lista civica autonoma, con una base elettorale che al momento parrebbe circoscritta al gruppo di commercianti che hanno esposto l'adesivo #iostoconSimone.

 

L'evento clamoroso non fa dimenticare tuttavia ai due quotidiani anche le cronache di "normale” criminalità, come il raid di mercoledì notte fra corso Cabassi e viale Petrarca che è costato il furto di birre e 200 euro dalla birreria Nonno Pep e la sottrazione del fondo cassa alla vicina piadineria, mentre i malviventi non sono riusciti a entrare nella gelateria Aloha.

 

L'apertura della pagina di Carpi del Carlino è dedicata invece all'incidente che è costato il ricovero a Baggiovara in gravi condizioni a un ciclista 92enne che, al termine della discesa del sottopasso ciclabile tra il Foro Boario e via Lucrezio ha investito nella curva una signora che sopraggiungeva. L'urto è stato violento e l'uomo ha sbattuto la testa a terra, riportando un trauma cranico. Va detto che quella curva cieca e dal raggio piuttosto stretto al termine di una discesa è stata più volte segnalata come pericolosa.

1122 visualizzazioni