Carpi oggi sui giornali. I Carabinieri in Municipio e a Palazzo della Pieve: spunti forniti da incarichi e appalti? Il Sindaco soccorritore

Carpi oggi sui giornali. I Carabinieri in Municipio e a Palazzo della Pieve: spunti forniti da incarichi e appalti? Il Sindaco soccorritore

I Carabinieri si sono presentati in Comune nel tardo pomeriggio di ieri mentre era in corso una riunione di Giunta, si sono trattenuti due ore per verifiche e audizioni di alcuni assessori e responsabili di uffici. E' la notizia clamorosa che compare oggi in prima pagina e in apertura della pagina di Carpi della Gazzetta, completata dall'altra, secondo la quale sarebbero stati sequestrati alcuni faldoni di documenti presso il Palazzo della Pieve, sede del settore Resuri, Cultura, Promozione turistica. Il giornale non dice molto di più, se non che l'Arma avrebbe raccolto nei mesi scorsi una abbondante documentazione soprattutto su incarichi e affidamenti degli appalti per le Notti Bianche, ma non esclude neppure un interessamento alla questione del Regolamento dei déhors. E non parla di indagati, ma di "spunti investigativi” che i Carabinieri avrebbero deciso di approfondire con politici e dirigenti.

 

Dalla Giunta, intanto, viene annunciato l'imminente invio di un comunicato, ma si respinge fin d'ora l'idea di un blitz quale si desume dalla titolazione del giornale.

 

 

Il Sindaco è invece protagonista dell'apertura odierna del Carlino che racconta come lunedì sera il primo cittadino, passando per via Lama, abbia notato due anziani impaurito in mezzo alla strada, con la loro Ford Fiesta vistosamente ammaccata nella parte posteriore, segno evidente di un tamponamento subito. Il Sindaco si è fermato, ha raccolto la testimonianza della coppia che gli ha raccontato di essere stata tamponata da un giovane. Il quale è sceso, si è informato sulle condizioni dei due, ma poi ha pensato bene di dileguarsi senza lasciare i propri dati. Mentre veniva avvertita la Pm, il sindaco Bellelli ha subito diramato un appello attraverso il proprio profilo facebook, per sollecitare informazioni sull'auto investitrice.

 

 

Una notizia condivisa dai due quotidiani è la condanna a due anni e 4 mesi inflitta al 19enne nigeriano che nell'agosto scorso molestò una trentenne di Carpi nei pressi della biblioteca.

 

Carlino e Gazzetta riferiscono anche dell'esito del referendum alla media Hack che ha bocciato la proposta della settimana corta.

 

Dalla Gazzetta si apprende intanto che una coppia di Pakistani ha deciso di sposarsi in Municipio, per sottolineare la propria volontà di integrazione, sottostando alla procedura civile in vigore in Italia. Non si tratta però di una coppia qualunque: lui è il figlio del vice presidente della Consulta per gli stranieri Javaid Iqbal, impegnato da anni sul fronte dell'integrazione e che ha voluto in questo modo mandare un segnale preciso di apertura agli usi e alla cultura del territorio ospitante.

 

Sempre la Gazzetta dà notizia del nuovo incarico assunto da Giuseppe Schena, di project manager presso il Css, il Consorzio di solidarietà sociale di Modena, partner di diverse amministrazioni comunali nello svolgimento di servizi di pubblica utilità.

1120 visualizzazioni