Concentrico in trasferta in Polonia

Concentrico in trasferta in Polonia

Per assistere a Children of the Revolution di Teatr Osmego Dnia

I promotori di Concentrico, rassegna teatrale in programma a giugno, sono stati ospiti a Poznan del Teatr Osmego Dnia (teatrosmegodnia.pl) per assistere in anteprima al loro nuovo spettacolo Children of the Revolution. La Compagnia polacca, definita dai critici come i "Rolling Stones del teatro contemporaneo", avevano solcato il palco della città di Carpi durante la scorsa edizione del Festival con lo spettacolo ARKA. Unici invitati allo spettacolo, oltre alla delegazione di Concentrico, erano gli organizzatori dello Sziget Festival, il festival musicale che si tiene ad agosto nella cosiddetta Island of Freedom a Budapest.

«Per noi è stato un vero e proprio onore – spiegano Andrea Rostovi, Maddalena Caliumi e Arturo Negro, organizzatori del Festival carpigiano – essere invitati al loro spettacolo. Si tratta certamente di una delle più importanti compagnie della scena contemporanea che ha messo in piedi oltre 50 produzioni con le quali hanno girato tutto il mondo. È stato particolarmente emozionante per noi entrare nel Teatro che gestiscono, che è diventato, dopo il loro ritorno in Patria a seguito della Caduta del Muro a causa dell’esilio e delle persecuzioni subite, uno dei più importanti centri di cultura indipendente in Polonia, simbolo di una rinata libertà culturale. Lo spettacolo, mai portato in scena in Italia, è una sorta di un'elegia per tutto coloro che hanno bruciato il fuoco rivoluzionario nella speranza di un domani migliore».

«Il Viaggio – concludono gli organizzatori – è stato un modo per continuare il nostro rapporto con gli Osmego, oltre che per assistere a uno dei maggiori fenomeni artistici internazionali dell’ultimo secolo e raccogliere ispirazioni per la prossima edizione del Festival. Vogliamo ringraziare in particolar modo Tadeusz Janiszewski, uno dei fondatori della compagnia, che ci ha invitati e accompagnati durante la nostra permanenza, con la speranza di poterli avere nuovamente con noi a Carpi».

403 visualizzazioni