Sui giornali di oggi. Un raggiro da 5 mila 800 euro. Il ladro di una scarpa sola

Rassegfna stampa locale del 13 settembre 2017

Sui giornali di oggi. Un raggiro da 5 mila 800 euro. Il ladro di una scarpa sola

E’ la truffa della finta dottoressa del Policlinico – una carpigiana 35enne in realtà semplice iscritta a Medicina e con un solo esame all’attivo – ad aprire oggi le cronache di Gazzetta e Carlino. Cronache differenti, per la verità, e non chiarissime. Mentre il Carlino dà conto di un raggiro ai danni di un’anziana, che sarebbe stata convinta dalla truffatrice a versarle 6 mila euro per aiutare la madre malata di un tumore confermato da falsi documenti del Policlinico, nel resoconto della Gazzetta compare anche un giovane frequentatore della biblioteca, figlio della signora truffata. Proprio il ragazzo, sarebbe stato avvicinato in biblioteca e convinto dalla finta dottoressa con la storia della madre malata. Avrebbe così indotto a propria volta la madre a effettuare il versamento. Poiché in un secondo tempo l’autrice della truffa si è di nuovo fatta avanti per chiedere altro denaro, questa volta spiegando di essere a propria volta affetta da tumore, la madre si è insospettita e avrebbe richiesto la restituzione delle somme fin lì versate, per un importo di 5 mila 800 euro. Qui è la Gazzetta a spiegare che la truffatrice avrebbe aderito alla richiesta, presentando una serie di assegni firmati dal Direttore del Policlinico, ma in realtà collegati a un conto corrente chiuso da tempo. A questo punto la signora truffata si è rivolta ai Carabinieri che hanno denunciato a piede libero la 35 enne di Carpi per truffa, falsità materiale commessa da privato e false dichiarazioni sull’identità fornite a un pubblico ufficiale. Della vicenda non è chiaro né quando sia accaduta né per quanto tempo è durata.

 

 

Altra notizia condivisa oggi da Carlino e Gazzetta è la denuncia da parte dei Carabinieri di uno straniero autore di un furto al Borgogioioso. Amputato di un piede, lo hanno sorpreso nel parcheggio con una sola scarpa, la destra, sotto il braccio. E al controllo effettuato nel negozio si è potuto appurare che l’altra scarpa, che non gli serviva, era in effetti rimasta lì, nella scatola.

 

La Gazzetta riporta le risultanze dell’incontro svoltosi ieri fra i sindaci del patto di sindacato di Aimag, dal quale è affiorata una certa impazienza sulla necessità di decidere, visto che qualcuno lascia intendere che altrimenti potrebbe lasciare il patto.

632 visualizzazioni