Le notizie sui giornali di oggi. Costa buttare i rifiuti a Panzano. Via Bellentanina terra di nessuno

Rassegna stampa locale del 28 luglio 2017

Le notizie sui giornali di oggi. Costa buttare i rifiuti a Panzano. Via Bellentanina terra di nessuno

In una pagina locale del Carlino dove, complice la scarsità delle cronache estive, le informazioni su Carpi sono mescolate a quelle di altri territori, la notizia del giorno non poteva che essere una notizia di frontiera. La frontiera è quella tra i Comuni di Carpi e di Campogalliano, coincidente con la località di Panzano, pochi chilometri da Gargallo, ma già in territorio campogallianese. Qui, complice il diverso sistema di raccolta dei rifiuti (il Comune di Campogalliano è servito da Hera) accade spesso che i Carpigiani in transito depositino i loro rifiuti, violando le regolamentazione regionale che ne vieta il trasferimento da un comune a un altro. Più di una volta la Sindaca di Campogalliano ha denunciato questa abitudine.  

 

E’ così accaduto che a una coppia in transito che, come riferisce il giornale riportandone la versione dei fatti, stava viaggiando in direzione della montagna per una gita, nel momento in cui si è fermata a Panzano per deporre un sacchetto di indifferenziato si è vista chiedere i documenti da una ragazza e da un giovane che sembravano semplicemente passare di lì per una passeggiata, ma che erano in realtà due agenti della Polizia municipale in borghese. Accertato che la coppia risiedeva a Gargallo, le hanno comminato la sanzione di 166 euro. Protesta dei sanzionati: non volevamo fare i furbi né aggirare le norme, non abbiamo buttato i rifiuti per la strada, bastava un ammonimento. Replica dell’assessore comunale di Carpi Cesare Galantini (che non è assessore alla Polizia municipale dell’Unione, visto che la delega alla Sicurezza è dell’assessore/sindaco di Soliera Roberto Solomita e dunque c’entrerebbe nulla, ma questo è un altro discorso che porterebbe al cuore dei dilemmi istituzionali dell’Unione Terre d’Argine e alle doppie competenze): “I controlli proseguiranno e mi stupisco che i cittadini ancora non conoscano il regolamento”.

 

 

Per l’apertura, la Gazzetta sceglie oggi di concentrare l’attenzione su quella via dimenticata di Carpi che è la Bellentanina, tra la via Rodolfo Pio dove si trova la Biblioteca e il viale Carducci, con il consueto corredo di muri imbrattati, schiamazzi notturni, siringa sulle scale di un condominio, lasciti di liquidi organici e, ovviamente, protesta dei residenti. Molto si deve quell’angolo morto che si è formato in zona con la chiusura sia del Supercinema che del Pub L’Officina, quando un tempo questo era uno dei luoghi più vivacemente giovani di Carpi, ben prima di piazza Garibaldi. La richiesta di chi abita lì è ovviamente quella di una migliore illuminazione e di una maggiore vigilanza.

 

Di spalla la Gazzetta riporta le replica del Comitato Acqua pubblica alla condizioni posta dal Sindaco per una sua partecipazione al confronto pubblico in vista del referendum su Aimag, vale a dire di conoscere in anticipo le proposte del Comitato. Il quale farà della divulgazione di queste sue proposte il tema della propria campagna elettorale, illustrandole una a settimana da qui alla fine di agosto. 

1832 visualizzazioni