Trekking: un fenomeno in crescita

Trekking: un fenomeno in crescita

Parla Paolo Baraldi, carpigiano, esperto di turismo outdoor

Il trekking, si sa, è un’attività in crescita. Ma di quanto? Lo sa bene Paolo Baraldi, carpigiano, laureato in Turismo economico e management e ora impiegato di Vacanzattiva, azienda modenese che si occupa proprio di turismo outdoor.

 

Baraldi, il trekking è quindi un fenomeno diffuso?

«Assolutamente sì. Il trend di crescita del turismo outdoor è il più alto tra tutte le tipologie di turismo e si sta allargando anche tra i più giovani. Non esistono ricerche mirate ma da vari studi emerge che tra il 2009 e il 2012 l’adventure tourism è cresciuto a un ritmo del 65 per cento l’anno (in America ed Europa). Anche in Italia il turismo outdoor cresce, anche se prevale il cicloturismo» 

Di che tipo di turisti si tratta?

«È un’attività apprezzata soprattutto da Tedeschi, Austriaci, Svizzeri, Canadesi. In genere viaggiano con un partner, con la famiglia o con gli amici. In Italia è proprio la famiglia il gruppo prevalente. Per quanto riguarda la fascia d’età, la stragrande maggioranza si colloca tra i 30 e i 60 anni, in particolare tra i 46 e i 55 anni»

 

Che cosa cercano in questi percorsi?

«Trasformazione, crescita personale, sfida. Vogliono ampliare i propri orizzonti, godersi scenari naturali incontaminati e imparare a cavarsela. Ma lo fanno anche per ritrovare benessere mentale, fuggire dalla routine e dallo stress, per divertimento e adrenalina e per vivere un’esperienza unica»

Quali itinerari scelgono in prevalenza?

«In Italia le più frequentate sono sicuramente le zone del Trentino Alto Adige, del Veneto e della Lombardia, ma anche le Cinque Terre, il Parco nazionale d’Abruzzo ed il Gran Sasso sono molto apprezzate. La Via degli Dei tra Bologna e Firenze sta conoscendo un grande revival, ma purtroppo l’Appenino emiliano (se escludiamo le località sciistiche invernali), resta ancora molto poco conosciuto, anche se offre percorsi stupendi per un turismo attivo».  

318 visualizzazioni