Se al padiglione fieristico si fa anche formazione

Al Carpi Fashion System Center due seminari sul marketing digitale

Se al padiglione fieristico si fa anche formazione

Il Carpi Fashion System Center inaugurato in via dell’Agricoltura lo scorso maggio in occasione di Moda Makers ha aperto per la prima volta le sue porte agli incontri dedicati agli operatori del settore. Il 24 e 30 ottobre si sono svolti due seminari gratuiti per le aziende del distretto sul tema del “Marketing digitale nel settore moda” rivolti a tutti i componenti della filiera, comprese le ditte di etichette e accessori e quelle di abbigliamento uomo o bambino. Realizzati in collaborazione con ForModena, gli appuntamenti rientrano nell’ambito del Progetto regionale settore moda della Camera di commercio di Modena e sono realizzati con il supporto organizzativo di Carpi Fashion System e co-finanziati dalla Regione Emilia Romagna. Il primo incontro ha riguardato la formazione base, con l’obiettivo di fornire informazioni e strumenti per capire il mondo digitale e affrontarlo in modo consapevole. Nel secondo invece è stata proposta una formazione avanzata, che ha coinvolto, in particolare i responsabili marketing, gli addetti commerciali e direzionali, e ha analizzato le potenzialità del digitale per vendere online anche all’estero. A condurre entrambi gli incontri sono stati Luca Catellani e Andrea Musi, rispettivamente Ceo e Product manager di Lovemark, società di consulenza di digital marketing con sedi a Reggio Emilia e Milano.

«Questa iniziativa è rivolta a sensibilizzare le aziende sul tema del marketing digitale, che non si ferma, come pensano molti, ai social media e al sito web – afferma Luca Catellani –; abbiamo spiegato ai partecipanti le diverse opportunità degli strumenti di marketing online per ottenere più visibilità per le aziende». Se nel primo incontro i relatori hanno utilizzato un linguaggio semplice, per una formazione di base, nel secondo sono state approfondite alcune tematiche per definire le migliori strategie di vendita online, soprattutto nei mercati esteri. Al seminario hanno quindi partecipato i responsabili degli uffici marketing e gli addetti commerciali e direzionali. «Tra i macro temi più importanti c’è sicuramente l’Inbound marketing, vale a dire le attività di marketing che consentono di profilare meglio un navigatore o un utente per procedere con azioni specifiche e mirate – prosegue Catellani –. E poi l’analisi del contesto internazionale con un approfondimento sui motori di ricerca. In Cina, per esempio, non usano Google, ma Yandez e Baidu». Nonostante la trasformazione digitale sia un tema importante, in Italia sono ancora tante le aziende che ancora non l’hanno percepita, o perlomeno lo hanno fatto in modo parziale. «Si fa fatica a trovare risorse, contenuti ed esperienze in questo ambito, perché spesso le stesse web agency propongono sempre i soliti strumenti digitali come per esempio i social, ignorando tutte le altre opportunità – conclude –. È un gap del sistema, bisogna fare dei passi avanti

154 visualizzazioni