Confesercenti attacca il Comune su viale Carducci, colonnine elettriche e sovrappasso sulla Losi

Confesercenti attacca il Comune su viale Carducci, colonnine elettriche e sovrappasso sulla Losi

E’ partito un attacco molto diretto da parte di Confesercenti nei confronti di recenti scelte dell’Amministrazione comunale. L’attacco ha preso due direzioni: una è la decisione di estendere la sosta a pagamento anche sul viale Carducci; la seconda riguarda la collocazione di colonnine per le ricariche delle auto elettriche nell’area commerciale sorta intorno al McDonald e di un sovrappasso ciclopedonale sulla tangenziale Losi che servirebbe soprattutto la medesima area.

Per la sosta a pagamento in viale Carducci Confesercenti avalla il sospetto di un nesso con la realizzazione del parking interrato della Meridiana, quando scrive: “Com’è noto la struttura deve essere realizzata in project financing: cioè chi realizza l’opera sostiene integralmente i costi e percepirà successivamente i ticket della sosta a pagamento. E’ altresì però anche risaputo che al momento non si trovano investitori privati disponibili a sostenere l’investimento in quanto economicamente poco appetibile. E i ricavi dei ticket sarebbero troppo esigui. Ampliando la sosta a pagamento, quindi, si favorirebbe l’investitore privato al quale andrebbero tutti i ricavi della sosta a pagamento del territorio carpigiano”. Ma se nonostante questa misura le previsioni di introito per i futuri realizzatori del parking interrato si rivelassero ancora insufficienti, che farà, il Comune, si chiede Confesercenti? Estenderà ancora le strisce blu?

Analoghi rilievi critici vengono rivolti alle altre due misure (colonnine delle ricariche elettriche e sovrappasso sulla Losi) che, a parere di Confesercenti, altro non farebbero che stimolare gli investimenti fuori dal centro storico, penalizzando ulteriormente la rete al dettaglio e provocando la desertificazione progressiva della parte antica della città.

 

970 visualizzazioni