Carpi oggi sui giornali. Tu hai l'Osservatorio tessile? E io ho la piscina promessa. Guerra di annunci stampa tra Tosi e Morelli. Autorimesse bus sempre aperte

Carpi oggi sui giornali. Tu hai l'Osservatorio tessile? E io ho la piscina promessa. Guerra di annunci stampa tra Tosi e Morelli. Autorimesse bus sempre aperte

Cronache dei quotidiani locali che parrebbero ispirate, oggi, dal braccio di ferro in corso nel Pd tra l'assessore Simone Morelli, al quale fanno riferimento le anticipazioni della Gazzetta sull'Osservatorio del tessile abbigliamento che verrà illustrato oggi pomeriggio, e l'assessore Simone Tosi che, sul Carlino, dischiude invece scenari futuri per la piscina (la foto è di repertorio). E si dice pronto a discutere il progetto di Coopernuoto, attuale gestore dell'impianto, di prendere il gestione anche la struttura vecchia, attualmente in abbandono. Avendo ovviamente come obiettivo – cosa che appare fuori da ogni obiettivo realistico – l'apertura dell'impianto ampliato e rsitrutturato prima dell'estate 2019. 

 

 

Per i contenuti dell'Osservatorio, oggetto dell'apertura della Gazzetta di oggi, si rinvia al servizio che Voce dedicherà ai dati raccolti da Daniela Bigarelli e dallo staff di R&I nel numero che sarà in edicola da domani.

 

Per la “piscina promessa” basti dire qui che al momento si tratta di una semplice opzione e di un contatto informale avvenuto tra i vertici di Coopernuoto e l'Amministrazione comunale, come spiega Tosi al Carlino. Per un allargamento a comprendere la struttura in abbandono occorrerà prevedere la redazione di un progetto, stabilirne i costi, trovare la formula amministrativa e finanziaria più idonea ad affrontarli, in un eventuale rapporto di collaborazione tra pubblico e privato, per passare poi all'assegnazione dei lavori per i quali sarà fondamentale mettere a punto il meccanismo, di gara o anche di assegnazione diretta, visto il rapporto esistente tra Acquanova, cui fa capo la stessa Coopernuoto, e Cmb nella realizzazione dell'attuale impianto. L'esecuzione delle nuove opere, infine, dovrà essere preceduta dalla demolizione di quelle vecchie, risalenti ai primi anni Settanta. Per dire che il traguardo dell'estate 2019 appare una meta assolutamente teorica.

 

 

Non c'è molto spazio per altre notizie, oggi, sui quotidiani. Il Carlino riporta quella della chiamata dei Carabinieri fatta dai volontari del gruppo Carpi Sicura che, in una delle loro passeggiate notturne, si sono accorti che una porta del deposito dei bus in via Peruzzi era aperta e ne filtrava luce, mentre all'interno non c'era nessuno e anche i mezzi sarebbero stati accessibili a chiunque. Sono le stesse condizioni che favorirono, un anno fa, il raid dei vandali dei pullmini: da qui la telefonata alla Compagnia Carabinieri di Carpi, prontamente intervenuta.

 

La Gazzetta chiude invece la pagina con le immagini delle insegne Burger King che verranno collocate sull'immobile realizzato nell'aiuola spartitraffico tra la Losi e la via Cattani. 

1188 visualizzazioni